Clicca su questo Banner per entrare nel Blog dei Chiancianesi


La Cantina dove trovate lo Spumante del "Man of the Match"
Amministratore ed articoli Vikings Chianciano Rugby e Virtus Chianciano Volley: Valtubo (Valerio Tubino), Articoli e foto Virtus Chianciano Giacomo Testini foto Vikings Chianciano Rugby Filippo Alimenti

I Vikings Chianciano Rugby tornano nel prossimo campionato 2017-2018!!!!

lunedì 25 aprile 2016

Il Pagellone Virtus 2016 di Giacomo Testini



Il campionato è terminato, l'obiettivo è stato conseguito e prima dello "sciogliete le righe" che verrà celebrato con una cena sociale aperta a tutti i tifosi e i simpatizzanti il prossimo 30 aprile alla cripta di Chianciano, è doveroso ricordare, prima di tuffarsi nei programmi della prossima stagione, i protagonisti di questa annata 2015-16

Gianni Marianelli: gli anni passano, la sua voglia, la grinta e la determinazione no. Intramontabile come il sole nei fiordi norvegesi in giugno. 7

Filippo Fallerini: costante, presente e professionale. Leader dell'out mancino. Certezza garantita come un prodotto DOC a denominazione di origine controllata. 7

David Daviddi: un lottatore di quelli che non se ne vedono quasi più, un Nobby Stiles del 1966 in versione moderna. The Wall - il Muro. (Quello di Berlino è crollato, quello chiancianese no) 7

Marco Benicchi: rientrato alla grandissima dal grave infortunio dell'anno scorso. Gol, assist e interdizione. Raro esempio di centrocampista totale (come la mediana degli "Orange" a Germania 1974). 7 virgola 5

Giulio Vannuccini: si è rivelato davvero un ottimo acquisto. Elegante e massiccio, gladiatore ma raffinato. Meglio di un fresco moijto gustato in spiaggia a ferragosto. Cocktail perfetto. 7

Giacomo Benicchi: abile nel giuoco aereo e calciatore tosto e senza fronzoli all'occorrenza. Trentadue carati. Pietra preziosa. 7

Ettore Vallocchia: veloce, positivo e propositivo. Un tempo c'era Cafu, oggi a Chianciano quel soprannome spetta a lui. Pendolino. 7

Saverio Valdambrini: astuzia del Gatto con gli stivali in Shrek 2 e artiglio penetrante come la tigre Sherkan nel Libro della jungla. Grande visione di gioco. Fuori quota, anzi fuori classe. 7

Marco Barbetti. Il timoniere è ancora al top della playlist e ricorda sempre più Ringhio Gattuso in campo e Gigi Buffon negli spogliatoi. Lo Skipper - Il Ca-pi-ta-no. 7

Nicola Cozzi Lepri: maturo nel gioco di fraseggio e saggio nel guidare la retroguardia. Quando è in condizione è un valore aggiunto. Di testa son tutte sue. Deciso e decisivo. 7

Guido Cencini: arrivato in sordina, si è fatto apprezzare per l'esplosività atletica e le qualità tecniche. Non gli manca il fiuto del gol sotto porta e la personalità sul rettangolo di battaglia. Vado al massimo? Guido al massimo! 7

Giovanni Esposito: come Garrincha a Messico '70 o Serginho nella seleçao più recente, quando mette il turbo non lo fermi neanche con la carabina usata a Dallas da Lee Harvey Oswald. Imprendibile. (CR7 - GE7+)

Andrea Rosadini: un po' cigno di Utrecht (Van Basten) e un po' re leone (Batistuta). Attaccante di razza e cannoniere assoluto. Bomber vero. 7 (e una figura, la donna di cuori)

Luca Lodi: 33% De Rossi 33% Schweinsteiger e 33% Puyol. La gioia degli allenatori per la sua versatilità tattica. Jolly (o meglio, asso nella manica) 7

Alessandro Rossi: l'esempio di come dovrebbe comportarsi un giocatore in qualsiasi categoria. Applausi, inchino, sipario. Chapeu. 7

Giacomo Fucelli: quando avrà capito che madre natura gli ha dato le doti fisiche per essere il numero 1 (in tutti i sensi) sarà un portiere eccezionale. Waiting for... 7- (il meno è per spronarlo a migliorare e migliorarsi)

Antonio Riccio: una stagione bella come i suoi selfie che scatta dopo ogni vittoria viola. C'è bisogno di compagni\giocatori così. Essenziale tanto quanto il flash in un'istantanea notturna . 7

Lorenzo Fucelli: a tratti Clark Kent e a momenti Superman, se sta bene è facile che la Virtus vinca. Run & fantasy. Ago della bilancia. 7

Marco Fabiani: pedigree da campioncino e feedback da stella di queste categorie. Ovunque è andato ha gonfiato la rete. DNA vincente. 7

Valerio Della Lena: le primavere sulla carta di identità passano, i campionati "sul groppone" lo stesso. Ma come per il buon vino, anche il Della, col tempo migliora. 7

Raffaello Landi: una vita in Virtus, una piacevole persona e un atleta di livello. Lascerà il pallone, ma rimarrà sempre vivo il ricordo del giocatore e dell'uomo. Ci manchi già Raffa. 7 (e Oscar alla carriera)

Jacopo Cappelli: peccato, anzi mannaggia per gli infortuni e la duratura indisponibilità, egli ha qualità, o meglio come cantava la Fiesole a Flachi "Il ragazzo gioca bene" 7

Marco Fucelli, Luca Massoli, Gheorghe Alexandru, Sergio Inciarte e Rudy Lizier: il calcio è uno sport di squadra, un po' romantico e un po' "bastardo", di questi ragazzi c'è chi si è fatto male seriamente e chi ha deciso che Chianciano non era il suo ambiente ideale. Ma siccome il gruppo è composto da una serie di elementi è giusto, doveroso è corretto ricordali tutti. N.G.

Paolo Bigozzi: in un calcio che vive di attualità e presente, dimenticando troppo velocemente il passato recente, è sacrosanto il pensiero verso il mister che ha guidato il gruppo nelle prime nove giornate, i suoi ragazzi gli volevano molto bene. Si è visto. Indimenticato. 7+

Michele Bruschi: è arrivato in un momento delicato, è stato accolto a braccia aperte seppur fosse giunto nel paese dell'acqua santa accollandosi un 'eredità pesante. Ha saputo guidare la squadra, ha mostrato passione e carisma. Condottiero. 7+

Anna Duchini: il primo presidente donna nella gloriosa storia virtussina. Persona seria, tifosa signorile e dirigente... Diligente. Fondamentale. 7 e mezzo

Mitri Pistoi: ex gloria viola, è rientrato in società col ruolo di DS. Persona introversa ma personalità di spessore. Quarant'anni nel calcio. Il suo lavoro lo sa fare. 7+

Il resto dello stato staff tecnico e societario: quando si porta a termine una stagione e si conquista l'obiettivo prefissato, il merito è, senza fare frasi fatte, di tutti. Nanda Landi e il fratello Marco, hanno consentito alle casse termali di respirare, facendo da main sponsor alla società, Eugenia Martino ha condotto brillantemente la preparazione atletica, Michele Baglioni ha guidato gli allenamenti dei portieri, Geo Santoni ha seguito con sapienza e saggezza i conti, Maurizio Fucelli ha coadiuvato costantemente la presidenza, Giancarlo Rubechini, Attilio Alliegro, Franco Crociani e hanno seguito la burocrazia di segreteria, Roberto Mazzetti ha custodito con gelosia il suo ruolo di magazziniere ed Enzo Landi quello di massaggiatore. Patrizia Chechi si è occupata della tesoreria prima degli impegni casalinghi e il resto dei membri del consiglio, quali Carlo Massarellli, Cristiano Sanchini, Ezio Stortini, Vincenzo Zaccani, Giovanni Alfano e Fabio Melosi, hanno contribuito, con le loro idee e la loro presenza, a far proseguire, con successo la storia virtussina, nonostante diverse problematiche, di varia natura.
Un punto in più rispetto alla passata stagione, ma sopratutto il medesimo importantissimo risultato conseguito per i ragazzi della Virtus Chianciano. I termali hanno conquistato, sotto una pioggia battente, davanti al pubblico amico, la vittoria che le permette, per il secondo anno consecutivo di restare in seconda categoria. Per uno strano scherzo del destino, i viola, nonostante occupassero una posizione di metà classifica, a novanta minuti dalla conclusione del campionato, erano ancora coinvolti nella bagarre per evitare i play out. I tre punti conquistatati contro il Pienza mettono la parola fine su questo lungo, altalenante ed equilibrato campionato. La Virtus dopo essere passata in svantaggio, la rete è stata siglata da Trabalzini per gli ospiti, ha saputo rimontare con Rosadini, che da grande bomber di razza ha guidato i suoi compagni, nonostante le assenze di Valdambrini (frattura al naso rimediata sette giorni fa a Fratticiola) e di Marianelli. Ora per la compagine di Bruschi può iniziare la festa e la programmazione per la prossima stagione.

Giacomo Testini

lunedì 11 aprile 2016

Sconfitta a San Quirico per la Virtus Volley


Virtus Chianciano Volley
Sconfitta per le ragazze della Virtus Chianciano Volley, in quel di San Quirico, contro l'ASD Libertas Orcia per 3-0, con parziali (25-21 / 25-18 / 25-16), dall'andamento vario di questi parziali si intuisce che le nostre ragazze hanno dei cali di tensione notevoli.
Il lavoro del mister Tassi risulta molto complicato da questo punto di vista, mentre tecnicamente la squadra pratica anche un bel gioco nei moneti di concentrazione.
Comunque le ragazze continuano a impegnarsi, cercando di migliorare maggiormente le loro caratteristiche tecniche e mentali di questo sport, con una buona presenza agli allenamenti ed alle gare.


Valtubo

domenica 10 aprile 2016

Virtus Chianciano poker salvezza!!!

Michele Bruschi Allenatore Virtus Chianciano
Gli ospiti si sono presentati allo Stadio Mario Maccari senza gli indisponibili Bartolucci, Cerbini e Cocci e dopo una manciata di minuti dal fischio iniziale soffrono subito un'incursione viola che lancia in profondità Fucelli, l'ala termale serve con un rimpallo Fabiani, che gonfia la rete ospite.
Tutto fermo però, il direttore di gara aveva fermato il gioco poiché la sfera era uscita dal rettangolo di gioco.
Passano sei minuti e l'arbitro Nannelli annulla il secondo gol al Chianciano. Valdambrini calcia di prima intenzione e ancora Fabiani trafigge Faralli in tap in.
Purtroppo per il forte e sfortunato giocatore virtussino la sua posizione era millimetricamente di offside.
La squadra di Bruschi è padrona del campo e al 18' con una bella giocata sull'asse Cencini-Rosadini va ancora vicina al vantaggio.
La difesa in maglia nera (caratteristica che ha costretto l'estremo difensore locale Marianelli a giocare con una casacca gialla per evitare problematiche cromatiche visto che la sua muta era della stessa tinta del Pieve al Toppo) è abile a fare muro.
Il tempo del vantaggio è maturo Fabiani crossa dall'out mancino, bomber Rosadini, al rientro dopo un turno di squalifica, infila magistralmente di testa e sblocca le ostilità.
Tra il 30' e il 31' in soli trenta secondi, la Virtus 1945 sfiora due volte il colpo del ko sfruttando una disattenzione di Faralli.
Nella seconda frazione il tema tattico non cambia, il team diretto da Pistoi continua a fare la partita producendo un ottimo football e gli aretini, dal canto loro, a cercare le ripartenze in contropiede.
La formazione presieduta da Duchini nei primi cinque minuti del secondo tempo sfiora il meritato doppio vantaggio in almeno tre occasioni.
Virtus Chianciano aperitivo post partita
Al 63' minuto si concretizza finalmente il raddoppio viola. Un magistrale schema da punizione partito da Valdambrini ed Esposito mette in condizione Fabiani di battere a rete a colpo sicuro.
Il bomber ex Tegoleto festeggerà subito dopo con un inchino davanti al pubblico del paese dell'acqua santa.
Il Pieve ci prova timidamente, i viola sfiorano il tris con una gagliarda giocata di Fucelli per Lodi. Terzo gol che arriva su penalty concesso dall'arbitro per atterramento in area di Rosadini. Fucelli si incarica di tirare la massima punizione e dagli undici metri chiude definitivamente l'incontro.
Gli ultimi minuti sono una meritata passerella per Daviddi e compagni. Esposito trova gloria personale facendo poker. Da stasera la Virtus è virtualmente salva.

Virtus Chianciano - Pieve al Toppo 4-0

Virtus Chianciano: Marianelli, Vannuccini, Fallerini, Valdambrini, Daviddi, M. Benicchi, Cencini (48' Esposito), Fabiani, Rosadini (81' Vallocchia), Lodi (Riccio 73'), L. Fucelli. A disposizione: G. Fucelli, Barbetti, G. Benicchi, Cozzi Lepri, Riccio, Vallocchia, Esposito. Allenatore: Bruschi

Pieve al Toppo: Alessio Faralli, Andrea Faralli, Moretti (24' Rossi), Paqualotti (65' Branchi), Amerighi, Mencucci, Grifoni, Crafa, Dragoni, Melighetti, Palazzini. A disposizione: Sodi, Franchi, Barbagli, Rossi, Branchi, Turchi, Mori Allenatore: Banelli

Arbitro Sig. Nannelli della Federazione Valdarno

Gol: Rosadini al 22' - 63' Fabiani - 71' Fucelli (rig.) - 90' Esposito


Giacomo Testini

Derby delle Acque, Virtus Chianciano Femminile vince!

Di Fiore Virtus Chianciano Calcio Femminile
La Virtus Chianciano Femminile scende in campo, contro le cugine termali del Montecatini, con il solito 4-2-3-1, ed iniziano subito ad impostare un buon gioco, proponendosi più volte sulla sinistra con Toppi, che sfianca il terzino rossoblù.
Ottimo dialogo a centrocampo tra Borri-Ricci e Mafucci, che spesso apre per gli esterni, mettendo in difficoltà la difesa avversaria, ma non trovando ancora il guizzo di Nenna.
Ma il bomber non si lascia attendere troppo e su un'azione personale di Toppi, riceve il pallone quasi dentro l'area piccola e non sbaglia, siglando con un destro rasoterra l'1-0.
Grande prova per Tognozzi, che serve una serie interminabile di cross dalla sinistra che impegnano ancora di testa Nenna, che sbaglia di poco.
Al 40º arriva il bellissimo gol di Cocchi, che al volo colpisce di collo su un cross sempre di Nenna. Nella ripresa entra Di Fiore per Cochi, mettendo in mostra tutte le sue strabilianti doti tecniche e dando filo da torcere alla retroguardia del Montecatini.
Entrano anche Sammarco Sani e Presentini, ma il ritmo comincia a calare, il caldo si fa sentire, un calo di concentrazione della difesa viola regala l'unico gol al Montecatini.
Al 90º Ricci colpisce la traversa in area di rigore, la partita si chiude così 2-1 per la Virtus Chianciano.

Orvieto troppo forte per la Saxum C5 Chianciano


Ci attendevano i primi della classe, coloro che hanno vinto il campionato e dominato la stagione sportiva che si sta per concludere, ma nonostante i favori del pronostico fossero tutti dalla loro parte, i ragazzi di mister Biscaro Parrini sono scesi in campo cercando di rendere la vita più complicata possibile agli Orvietani.
Peparini Andrea sigla subito la rete in apertura dello 0-1! I padroni di casa dominano la gara e piano piano riescono a scardinare l’ottima difesa giallorossa, guidata da un Bamonte Giancarlo, tornato ai suoi livelli.
Con due gol per tempo l’Orvieto ribalta il risultato e si aggiudica la partita con il finale di 4-1. Che dire, troppo netti ed evidenti i valori in campo per riuscire a strappare punti, ma lo spirito è quello giusto e gli atteggiamenti fanno ben sperare per un finale di stagione che ci conduca all’obiettivo finale! Forza ragazzi! Forza Saxum C5!

Campionato serie C2 girone B – 27^ giornata: F.C. Orvieto – Saxum C5 Chianciano 4-1

Marcatori: Peparini Andrea.

lunedì 4 aprile 2016

LUCCA batte VIRTUS CHIANCIANO FEMMILE 2-0

Virtus Chianciano Femminile
Buonissima gara delle ragazze di Mr. Montanelli che, nonostante il caldo, prendono in mano le redini del gioco e mettono in seria difficoltà la capolista Lucca.
Mafucci prova due volte la conclusione in porta dalla distanza, ma purtroppo il portiere giallo blu intercetta e nega la gioia al capitano viola.
Il Lucca si rende sempre pericolosa nelle ripartenze, sfruttando la velocità degli esterni d'attacco.
Nel primo tempo proprio il centravanti lucchese taglia in area, su un lancio perfetto di Bengasi e sferra un tiro imprendibile che porta il Lucca in vantaggio 1-0.
Nella ripresa si combatte molto a centrocampo e gli equilibri sembrano stabilirsi, quando sul lancio del numero 13 lucchese, Carozzo riesce a siglare il 2-0 e a chiudere la partita.

LUCCA-VIRTUS CHIANCIANO 2-0

Ancora una buona prestazione per i Vikings sconfitti ad Empoli!

Unione Rugby Montelupo Empoli contro Vikings Chianciano Rugby
Bella domenica di primavera ad Empoli per la partita tra Unione Rugby Montelupo Empoli, alla ricerca di una vittoria per agganciare il 5° posto in classifica ed Vikings Chianciano ormai alla deriva, ma usciti più solidi dall'ultimo match.
La partita comincia con i Vikings avanti che riescono a chiudere l'Empoli nei propri ventidue, i Vikings cercano spazi per realizzare la meta, me l'Empoli difende bene, deciso e con i calci libera il gioco, ma si ritrova subito sotto pressione.
Come sempre avviene, al 22° minuto, nel momento di massima difficoltà, su un calcio dei Vikings alla ricerca dell'ala, l'Empoli trova un intercetto e su contropiede, con la prima azione nella metà campo avversaria, realizza la meta, non trasformata.
I Vikings subiscono il colpo e non riescono ad attaccare come prima, l'Empoli sale di territorio e nel finale di tempo realizza un'altra meta anche questa non trasformata, 10-0.
Nel secondo tempo, causa il caldo, i ritmi calano e l'Empoli, con il suo numero 10, molto abile con i calci, libera bene e conquista il dominio del gioco realizzando altre tre mete, con in mezzo la meta della bandiera dei Vikings realizzata da Bettollini Simone e trasformata da Sestini Paolo, finale 31-7.
L'Unione Rugby Montelupo Empoli fa il bottino pieno, ma non ha espresso il bel gioco visto altre volte con passaggi alla mano sulle ali; i Vikings Chianciano escono dal campo con onore, ma commettendo sempre i soliti errori in attacco, dove mancano sempre nei passaggi decisivi sfumando buone occasioni e con poca convinzione nei placcaggi.
Prossima partita il 17 aprile a Chianciano con l'attesissimo "Derby della Valdichiana" contro l'Arieti Arezzo.

Unione Rugby Montelupo Empoli - Vikings Chianciano Rugby 31 - 7



Valtubo

domenica 3 aprile 2016

Virtus Chianciano batte il Bettolle!

Nella foto il match winner Guido Cencini autore di tre gol

Una vittoria che impreziosisce la non esaltantissima stagione della Virtus Chianciano e una sconfitta che non cambia il giudizio, comunque estremamente positivo, per la Polisportiva Bettolle.
I ragazzi di Ermanno Camilletti hanno festeggiato la vittoria del campionato con quattro giornate di anticipo lo scorso venti marzo.
Un risultato meritato e guadagnato domenica dopo domenica, con saggezza e compattezza, dopo la celebrazione della vittoria del torneo bomber Alessio Ghini (20 gol quest'anno) e compagni si sono concessi alcuni giorni di riposo, probabilmente in questo caldo pomeriggio primaverile la preparazione atletica ha parzialmente risentito, senza però pagare dazio ai fini della classifica, sul punteggio odierno.
Tuttavia gli ospiti erano comunque riusciti a passare in vantaggio dopo una dozzina di minuti. Corbelli, su punizione, trafiggeva e sorprendeva l'estremo difensore viola Alessandro Rossi.
Il primo tempo mostra due compagini che giocano un calcio blando con ritmo basso, la prima frazione si conclude con il parziale di 0-1 a favore dei chianini.
I secondi quarantacinque minuti mostrano una Virtus più volenterosa e motivata a conquistare il bottino pieno, Guido Cencini mostra il suo lato migliore e si esalta in tutta la sua dote realizzativa.
Il giocatore termale sigla una tripletta e ribalta completamente il risultato in favore dei compagni di squadra, i primi della classe accusano il colpo, ma da grande team quali sono, trovano la rete del definitivo 3-2 con Fabbroni, che accorcia le distanze, senza però riuscire ad impattare sul pareggio.
I tre punti sono un toccasana per il Chianciano che allunga nei confronti delle dirette concorrenti, (il Montecchio su tutte) nella lotta per evitare i play out post season.
La vittoria riequilibra una situazione che stava diventando pericolosa, al termine delle ostilità mancano tre giornate, due delle quali la Virtus le giocherà davanti le mura amiche.
Già tra sette giorni, l'equipe diretto da Mitri Pistoi e presieduto da Anna Duchini, avrà l'occasione di mettere la parola fine sulla permanenza in seconda categoria, anche nella prossima stagione.
Per il Bettolle (oggi privo di tanti titolari) tanti applausi, per aver condotto brillantemente questa seconda categoria girone N, resta solo il rammarico per la prematura eliminazione in Coppa.

Virtus Chianciano - Bettolle 3-2

Virtus Chianciano Rossi, Vannuccini, Fallerini, Valdambrini, Daviddi, M. Benicchi, Cencini, Fabiani, Lodi, Fucelli, Cencini. A disposizione di Mister Bruschi Marianelli, Della Lena, Landi, G. Benicchi, Vallocchia, Barbetti, Esposito

Bettolle Beligni, Pomeranzi, Palumbo, Corbelli, Giorgi, Maio, Consiglio, Nerucci, Tavanti, Mainó, Gupi. A disposizione di Mister Ermanno Cammilletti Lunghini, Mazzeschi, Fabbroni, Giommarelli, Tommassini, Bocchetti, Ghini.


Giacomo Testini

Saxum C5 Chianciano ancora beffati nel finale...



Campionato serie C2 girone B – 26^ giornata: Saxum C5 Chianciano – Ponte San Lorenzo 2-3

Marcatori: Fallerini Manuel; Rubeca Michele.

A quattro giornate dalla fine, ogni partita è buona per cercare di salvare la dignità, l’onore e far scattare una scintilla per l’eventuale playout.
La prestazione offerta venerdì sera è stata decorosa, un buon impegno e buona circolazione di palla. Andiamo in vantaggio due volte, prima con un colpo di testa di Fallerini Manuel e poi con un bel gol di Rubeca Michele, che corona una bella azione di ripartenza.
A tre minuti dalla fine ecco l’episodio che può decidere la partita, Bama Moise viene atterrato in area e l’arbitro decreta il rigore a favore nostro, ma il tiro viene parato dall’ottimo portiere ospite.
Da questo momento alla fine, i ternani, beneficiano di due tiri liberi, il primo si infrange sul palo, mentre il secondo si infila all’incrocio dei pali, per il definitivo 2-3!
Peccato, peccato veramente, perché a differenza di altre prestazioni, scialbe e anonime, questa volta avremmo sicuramente meritato di più, ma nello sport si deve accettare il risultato del campo, anche se purtroppo quest’anno non ne va dritta una, ma il vento cambierà, se lo vogliamo….Forza ragazzi! Forza Saxum C5!