Clicca su questo Banner per entrare nel Blog dei Chiancianesi


La Cantina dove trovate lo Spumante del "Man of the Match"
Amministratore ed articoli Vikings Chianciano Rugby e Virtus Chianciano Volley: Valtubo (Valerio Tubino), Articoli e foto Virtus Chianciano Giacomo Testini foto Vikings Chianciano Rugby Filippo Alimenti

Amministrazione Immobili Condomini

I Vikings Chianciano Rugby tornano nel prossimo campionato 2017-2018!!!!

domenica 10 marzo 2019

La Virtus Chianciano vince con un rocambolesco 4 a 2


Arriva un momento della stagione in cui i match sono veri e propri spareggi, partite “drammatiche”, sportivamente parlando.
Incontri che possono scrivere la storia di un torneo e i verdetti di un campionato intero. Virtus vs Polisportiva è proprio uno di questi ‘Sliding Doors’.
Dentro o fuori. In o out. Un confronto parzialmente decisivo per decretare chi probabilmente non potrà ambire alla salvezza in prima categoria e chi, invece, avrà il credito per giocarsi la permanenza nella divisione durante i play out post season.
Non c’è dubbio che Chianciano e Bettolle sono le due grandi deluse di questo girone F, due team che avevano ambizioni importanti alla vigilia, ma che, per una bizzarra concomitanza di eventi, alcuni ad effetto boomerang, si sono ritorti contro, andando ad incidere pesantemente sul rendimento e i risultati delle rispettive formazioni.
La cronaca della sfida parte dopo due minuti, quando un tiro centrale di Tavanti è bloccato da Figuretti.
I biancorossi sembrano entrati in campo col piglio giusto e dopo altri cento venti secondi di giuoco una conclusione di Lucatti termina alta sopra la traversa. Stessa sorte, qualche istante più tardi, per il tracciante di Lambiase che non impensierisce la retroguardia ospite.
10 minuti sul cronometro del direttore di gara, e da fallo laterale giunge una spizzata sul secondo palo, tiro al volo di sinistro del “figlio d’arte” Pistella, la conclusione del ‘Gordito’ è parata, di piedi, dal numero uno viola.
16 primi, grande apertura di Valentini sulla sinistra, cross di Stringano per il tuffo di testa del neo acquisto viola Nunzio Pagano che insacca all'angolino per il gol del vantaggio locale.
22 minuti e la reazione Bettollina si fa sentire, Figuretti salva su Pelucchini, Gomon un attimo dopo è bravo a spazzare via un pallone insidioso.
28 minuti esce Pomeranzi entra Palumbo. 33esimo: punizione dalla sinistra di Capaccioli, colpo di testa di Tiezzi da due metri e la sfera si insacca per il provvisorio gol del pareggio chianino. 36 minuti, Pagano, ex player di Gladiator e Potenza in serie D, recupera palla sulla destra, cross del solito Esposito, giocata di Ubah e gol da dentro l'area piccola di Seck Boye.
I termali presieduti da Sanchini rimettono così il naso avanti tra gli applausi della tribuna Betti. 45’, dopo il giallo a Stringano, arriva un calcio d'angolo di Capaccioli, testa di Pelucchini che scheggia il palo, prima del canonico the caldo di metà partita. Nella ripresa esce Stringano ed entra Barbetti, una leggenda del Paese dell’Acqua Santa. 4’ minuto, Ubah è pericoloso ma l’esperto Lunghini chiude la saracinesca. 15 minuti, ancora Ubah Chimezie guadagna un rigore, ma lo stesso leader bianco viola sbaglia il penalty tirato sulla destra del portiere rivale che respinge il cuoio a mezza altezza.
18’ filtrante di Pistella, Gomon lascia passare, Pelucchini in diagonale al sette, ma Figuretti fa il miracolo e nega la gioia del gol. 
La partita è maschia e frizzante, Ghini, top player del Bettolle nel decennio scorso, in settimana è subentrato a Poponcini, sollevato dalla carica di Herd coach dal team di Becherini, sprona i suoi ragazzi e al 19esimo l’arbitro Mattia Ricotta concede un rigore per fallo di Jo Esposito.
Dal dischetto al 65’ trasforma Pistella. Entrano Marenna e Vallocchia, al 41’ altro rigore concesso dall’arbitro ma Pagano calcia fuori nella disperazione del Maccari Stadium. Non è finita, nonostante il pari sembra un punteggio ovvio. 42’ Ubah sulla sinistra appoggia per Valentini, conclusione di sinistro da fuori area rasoterra all'angolino e gran gol per il playmaker di Del Balio.
In pieno recupero al 93’ Pagano recupera palla su Giomarelli, due contro uno, assist per Ubah Chimezie che a porta sguarnita insacca il gol che chiude i conti e fa festeggiare l’equipe diretta da Maresca.
Una partita incredibile con un risultato pirotecnico, una giostra di emozioni e una domenica ricca di giocate da grandi calciatori.
A trionfare, col cuore e gli attributi sono stati i Viola che ora guardano alla classifica e al futuro con rinnovato ottimismo e notevoli speranze. 

Virtus Chianciano - Bettolle 4-2

Virtus Chianciano: Figuretti, Scassagreppi, Stringano, Lambiase, Gomon, Scannicchio, Esposito, Valentini, Boye, Ubah, Pagano. A disposizione di Mister Del Balio: Giani, Vallocchia, Barbetti, Marenna.

Bettolle: Lunghini, Bernardini, Giomarelli, Leonardi, Tiezzi, Pomeranzi, Tavanti, Lucatti, Prlucchini, Pistella, Caraccioli. A disposizione di Mister Ghini: Goracci, Cocci, Palumbo, Posani, Mazzeo, Peruzzi.

Arbitro: Sig. Mattia Ricotta

Gol: 18’ Pagano - 33’ Tiezzi - 39’ Boye - 65’ Pistella (rig.) - 87’ Valentini - 93’ Ubah


Giacomo Testini

Nella foto i quattro tenori viola che hanno siglato oggi.

giovedì 28 febbraio 2019

Endurance Equestre a Chianciano Terme



Non poteva mancare la disciplina equestre dell’endurance a Chianciano Terme, Comune in provincia di Siena proclamato Città Europea dello Sport 2019 che ha deciso di patrocinare la manifestazione equestre fissata per il 7 aprile p.v.
Andrea Marchetti, Sindaco della nota località turistica termale toscana, ha accolto con grande piacere l’investitura decisa dalla commissione ACES Europe (Federazione delle Capitali e delle Città Europee dello Sport).
Per tutto il 2019 Chianciano Terme affiancherà altre due città insignite dello stesso riconoscimento ma che vivono un contesto naturalistico diverso come Livigno e Sesto Calende.
Tornando all’Endurance, a far conoscere la disciplina a Chianciano ci penserà l’Asd Generali Endurance e Tuscia Eventi srls, realtà entrambe con un grande bagaglio di esperienza nel settore organizzativo.
Il campo di allenamento adiacente al campo sportivo il Castagnolo sarà l’arena della gara di endurance che per il debutto presenterà le 3 classiche categorie nazionali CEN B, CEN A e debuttanti, pensando magari all’internazionale per i prossimi anni.
C’è grande attesa a Chianciano per la manifestazione soprattutto da parte di chi non conosce la disciplina ed è curioso di farlo.
Chianciano Terme, con la sua tradizione di ospitalità e con le sue ampie strutture sportive è pronta per nuove offerte e nuovi eventi, tutti all’insegna dello sport.

mercoledì 27 febbraio 2019

Campionati Regionali 2019 di Bocce a Chianciano Terme



Campionati Regionali 2019 di Bocce: dal 3 marzo a Chianciano Terme
La presentazione con gli studenti al Teatro Caos alla presenza degli atleti Michele e Riccardo Mazzoni e di Matteo Betti campione paralimpico medagliato alle Paralimpiadi di Londra 2012.

Sarà Chianciano Terme ad ospitare l’edizione 2019 dei Campionati Regionali Toscana di Bocce. Il Bocciodromo Comunale sarà la sede dei cinque appuntamenti che nel mese di marzo vedranno scendere in corsia i circa 250 atleti partecipanti nelle diverse specialità e categorie (uomini, donne, ragazzi e paralimpici). Le bocce sono una disciplina che affonda le sue radici nel tempo, giunto fino a noi senza perdere fascino, rimanendo un gioco prima che uno sport, intuitivo, appassionante e inclusivo.

La manifestazione è stata presentata al Teatro Caos mercoledì 27 febbraio nel corso di un incontro con gli studenti dell’Istituto Comprensivo Federigo Tozzi di Chianciano Terme. Erano presenti le autorità locali, con il Sindaco Andrea Marchetti, gli Assessori allo Sport e alla Cultura Andrea Morganti e Danila Piccinelli, il Presidente della Federazione Bocce Toscana Giancarlo Gosti, il Delegato FIB Siena Armando Martini, il Fiduciario CONI Nicola leonardi, il Delegato CIP Siena Matteo Betti, il Presidente di Pro Loco Chianciano Terme Gianluca Palazzi, Aroldo Giugnoli Presidente del Gruppo Bocciofili Chianciano Terme che organizza la manifestazione con Federbocce Toscana.

Gli studenti hanno avuto la possibilità di conoscere la disciplina e non solo: è infatti intervenuto il Prof. Gennaro Testa, sociologo dell’Università di Firenze, che ha parlato degli aspetti meno visibili dello sport in un intervento dal titolo “Lo sport: non solo muscoli e polmoni”. A portare la loro testimonianze sono stati due giovani bocciofili juniores già nel giro della nazionale, Michele Mazzoni e Riccardo Mazzoni, e Matteo Betti, il campione paralimpico medagliato alle Paralimpiadi di Londra 2012.

I campionati si apriranno domenica 3 marzo con l’assegnazione dei titoli giovanili a cui prenderanno parte gli Under 18, gli Under 15, gli Under 12, gli Under 10 che si sfideranno anche nel tiro di precisione, specialità nella quale i primi classificati otterranno il pass per i campionati italiani.

Il weekend 23-24 marzo è dedicato al settore paralimpico con gli atleti con disabilità intellettivo relazionale in campo il sabato, quelli con disabilità fisica a sfidarsi la domenica.

Sabato 30 marzo protagoniste saranno le donne, di tutte le categorie con le vincitrici dello scorso anno Ivana Arati in cat. A, Lorita Leonori in cat. B e Donella Violi in cat. C a difendere il titolo conquistato l’anno scorso ad Arezzo. Il giorno dopo, 31 marzo, gran finale con la raffa maschile con Fabio Matalucci (cat. A), Massimo Cellerini (cat. B) e Franco Rosi (cat. C) che cercheranno di confermarsi campioni regionali. Ci sarà spazio, sui campi esterni, per la specialità Pétanque dove Marco Biggi difenderà il titolo nell’individuale così come Marco Sensi e Sami Amri faranno nella coppia.

Presente anche Elena Burgassi che ha fatto vedere ai giovani delle scuole una vantiante del gioco delle bocce, monto famoso nei paesi anglossassoni: il bowls (a volte conosciuto come lawn bowls), uno sport di origine inglese, della famiglia delle bocce, giocato con bocce di forma asimmetrica mentre dove, come campo da gioco, si utilizza un prato e non la terra battuta.

I giovani di Chianciano Terme sono stati invitati a frequentare i campi da bocce di Chianciano Terme e i due atleti, Michele e Riccardo Mazzoni hanno invitato tutti, in occasione della prima giornata dei Campionati Regionali di Bocce 2019, a provare con loro il gioco, dalle 14.30 alle 15.30, in occasione della prima giornata dei campionati: domenica 3 marzo con ingresso libero a tutti.

domenica 24 febbraio 2019

Virtus Chianciano sconfitta di misura dalla capolista


È il periodo di carnevale e una bellissima Virtus ha seriamente rischiato di giocare un grosso scherzo al Gracciano e all’intero girone F di prima categoria.
Era un testa coda, quello che si è giocato oggi al Maccari Stadium, ma se un qualunque critico calcistico avesse visto e analizzato la partita empiricamente, senza sapere le posizioni in classifica, con tutta probabilità, non direbbe mai che sul terreno di gioco si sfidavano la capolista e la cenerentola del torneo.
Parte forte il Chianciano e dopo appena cento venti secondi di gioco Ubah Chimezie va vicino al vantaggio con una delle sue funamboliche giocate in velocità.
Il ritmo è discreto, nonostante il fastidioso vento di ponente che ha spirato per tutti i novanta minuti. Gli uomini di Del Balio sono in ottimo momento di forma, lo dimostrano i quattro punti conquistati nelle ultime due sfide esterne, a Scarlino prima e Manciano poi.
Valentini gioca un partita da leader della mediana e al minuto numero ventidue sfiora la marcatura con un tracciante secco e potente che esce di poco. Gli ospiti giocano una prima frazione accorta e con Bruno e Giotti impensieriscono la retroguardia termale con azioni nate dalle fasce esterne. Tuttavia Gomon è preciso in chiusura aerea e Figuretti sicuro negli interventi a terra.
Si va all’half time sul punteggio bloccato sullo zero a zero. Nella seconda frazione i Viola non calano di un centimetro, Vallocchia è pragmatico in fase difensiva ed Esposito propositivo dalla tre quarti al dischetto.
Ai punti, come direbbe il grande Rino Tommasi, che proprio ieri ha spento la sua 85esima candelina, l’equipe diretta da Maresca, meriterebbe di passare in vantaggio. Entrano Stringano e Scassagreppi a rinforzare le linee termali, ma proprio mentre Seck lotta con gli artigli per cercare il gol, sono gli azzurri a sbloccare il parziale.
Un cross lento ma velenoso, al 74’, partito dalla zona mancina, pesca il quotato Amedeo Conforti, il numero nove dei blues, di testa, spizzica e supera il numero uno chiancianese all’angolino basso.
È una doccia gelata per il Presidente Sanchini e i supporters presenti in tribuna Betti. Passano quattro minuti e Momo Mohammadou, dopo una gara giocata con grande virtuosità fisica e spirito di sacrificio, viene allontanato dal contestatissimo direttore di gara Ardini.
La Virtus col cuore di Lambiase e la tenacia di Scannicchio ci prova fino alla fine, colpendo una traversa e rischiando in un paio di episodi quelli che sarebbe stato un meritatissimo pareggio. Purtroppo Marenna e compagni non riescono ad agguantare l’1-1 e il Gracciano, col minimo sforzo, da grande team quale è, porta in cascina una vittoria esterna preziosissima.
Tanti applausi per Ubah e soci, ma aimè lo scherzetto di carnevale ai primi della classe, anche e sopratutto per sfortuna ed episodi sfavorevoli, non è arrivato.

Virtus Chianciano - Gracciano 0-1

Virtus Chianciano: Figuretti, Vallocchia, Mohamaddou, Marenna, Gomon, Scannicchio, Esposito, Valentini, Seck, Ubah, Lambiase. A disposizione di mister Del Balio: Giani, Barbetti, Scassagreppi, Stringano 

Gracciano: Bogi, Borgianni, Bartoli, Ndyaie, Maisto, Panerai, Conforti, Antichi, Amedeo Conforti, Bruno, Giotti. A disposizione di mister Calà: Zanelli, Scivoletto, Biagi, Fazzuli, Cantini, Campana, Varone, Nencini

Arbitro: Sig Ardini 

Gol: 29’ 2T Amedeo Conforti 

Espulso: 33’ 2T Mohammadou 


Giacomo Testini

domenica 10 febbraio 2019

Virtus Chianciano pirotecnico 2 a 3 con il Fonte Belverde


Dopo la finale del Festival di Sanremo, conclusosi stanotte con la vittoria ‘contestata’ della platea del Teatro Ariston, oggi durante la ventesima giornata di prima categoria girone F, un’altra tribuna, quella Betti, dello Stadio Maccari di Chianciano, protesta per il verdetto finale maturato dopo il pirotecnico 2-3 scaturito nella gelida domenica che precede San Valentino.
La storia dell’atteso match tra viola e bianco verdi parte al sesto minuto di gioco: un lancio di Valentini fa correre Ubah, il forte giocatore locale sguscia sulla fascia ma strozza troppo la conclusione che termina fuori al primo palo.
Al 15’ gli ospiti si portano in vantaggio: un lob felpato, con colpo sotto del “bomber” De Francesco, pesca in area piccola Vittori, il numero dieci sancascianese calcia in porta superando Figuretti e il disperato tentativo di salvare la sfera da parte di un generoso Scannicchio.
La Virtus non ci sta e nonostante lo svantaggio aumenta i decibel del voltaggio cercando di guadagnare campo in mediana.
Quando il cronometro della sfida segna il ventiquattresimo i padroni di casa agguantano il pareggio con Mohamaddou che, in un’azione parzialmente confusa, realizza da pochi passi insaccando il pallone sotto la traversa. La partita è interessante sotto tutti i punti di vista, il Chianciano si gioca la permanenza in categoria, la Fonte combatte per un posto al sole dei play off post season.
I ragazzi di Coach Parretti al 36’ raddoppiano. Una giocata del solito De Francesco pesca ancora Vittori che in tap in conclude nella porta difesa dall’incolpevole Figuretti, oggi stoicamente in campo nonostante la febbre alta della vigilia.
La seconda frazione vede subito i Viola protagonisti, Fabio e Tassone cercano di dettare il ritmo con la personalità da ottimi giocatori quali sono, su una bella occasione prodotta dall’out mancino, un colpo di testa del beniamino locale Ubah riporta il risultato parziale in perfetta parità. Due a due dopo centoventi secondi di gara della ripresa.
Il Belverde è ancora concentrato sulla sfida e al 57’ arriva l’episodio decisivo che sposta gli equilibri. Il direttore di gara concede, forse un po’ severamente, per quello che si è visto dagli spalti, un penalty kick per fallo della difesa termale ai danni dell’accante in tenuta white and green.
Il Signor Paduraru concede così la massima punizione che Martino, con freddezza e precisione, trasforma. Gli animi si scaldano e il clima di fa teso al Maccari Stadium, il team diretto da Maresca protesta con veemenza per un presunto rigore non concesso su Scannicchio e sul finale di tempo Pagnotta si supera alla grandissima su Ubah Chimezie. Del Balio prova la carta Esposito ma nonostante gli sforzi di Stringono prima, e Lambiase poi, il pari non arriva.
La Fonte Belverde continua il suo torneo da protagonista e strappa una vittoria prestige, con cuore e spirito di sacrificio. La formazione presieduta da Sanchini (oggi priva di Da Conceicao) torna negli spogliatoi dopo aver giocato uno scontro di ottimo livello tecnico tattico. Vista oggi, la Viola, non è sembrata davvero un’equipe che occupa l’ultimo posto in classifica.

Virtus Chianciano - Fonte Belverde 2-3

Virtus Chianciano: Figuretti, Lambiase, Scannicchio, Fabio, Gomon, Tassone, Stringano, Valentini, Seck, Ubah, Mohammadou. A disposizione di Mister Delbalio: Giani, Barbetti, Vallocchia, Marenna, Scassagreppi, Esposito.

Fonte Belverde: Pagnotta, Muccifori, Mercanti, Giglioni, Ferretti, Anselmi, De Francesco, Benedetti, Martino, Vittori, De Luca. A disposizione di Mister Parretti: Ruco, Terrosi, Pinzi, Nutu, Stolzi, Fabbrizzi, Chechi.

Arbitro: Sig. Paduraru sez. Arezzo

Gol: 15’ Vittori - 24’ Mohammadou - 36’ Vittori - 47’ Ubah - 56’ Martino (Rig.)


Giacomo Testini


Nella foto: Barbetti, Sanchini, Vallocchia ed Esposito

domenica 27 gennaio 2019

Virtus Chianciano "gelata" in casa


I giorni della merla, protagonisti in ognicalendario gregoriano, meteorologicamente parlando, sono i più freddi dell’anno.
Lo stesso gelo termico, a livello calcistico, si è vissuto al Maccari Stadium in questa ultima domenica di gennaio, calcisticamente parlando, dopo lo 0-3 incassato dai calciatori che giocano in onore del paese dell’Acqua Santa.
Pronti via e in un amen la retroguardia termale si fa trovare ferma e impreparata su una rimessa laterale.
L’azione d’attacco si sviluppa sull’out destro e un cross pennellato da Butini trova all’appuntamento, di testa, al secondo palo, Redditi, uno dei giocatori più forti del torneo. Dopo neanche una manciata di minuti di gioco il Quercegrossa è già in vantaggio. La Virtus accusa il colpo e i rosso blu sfiorano il raddoppio con Donati, uno degli effettivi più importanti, dopo il rientro per l’operazione al polso, a disposizione del bravo preparatore Mino Stabile.
Del Balio e Galli con la loro personalità provano a scuotere la squadra, Valentini prende in mano le redini della mediana e in un paio di conclusioni sfiora il punto dell’1-1 con soluzioni da lontano. Il forcing dei padroni di casa si fa serrato.
In mischia sui cross prodotti da Stringano, i Viola accarezzano la possibilità di pareggiare le ostilità, ma la difesa ospite fa muro con grande organizzazione difensiva e i lunghi tentacoli di Grieco chiudono la saracinesca a Mohamaddou. Prima dell’intervallo il direttore di gara Raciti espelle dalla panchina l’attaccante
Da Conceicao e i senesi nel recupero decretato in virtù di questa sanzione trovano con Battagello, che trasforma al sette, superando l’incolpevole Figuretti, la rete dello 0-2.
È una doccia fredda. Nella seconda frazione la reazione del Chianciano è solo parziale, ne approfittano gli uomini dell’ottimo allenatore Marchi e al 51’ Sani mette la parola fine, segnando il gol del 3-0, quando al termine della gara mancano circa quaranta minuti.
Il linguaggio del corpo dei ragazzi virtussini è quello di una squadra ferita, il passivo, nonostante un discreto primo tempo è impietoso e non lascia scampo a possibili rimonte. Ubah corre sulla fascia mostrando le sue qualità da driblatore, e il rientro, dal primo minuto di Scannicchio, sono aspetti propositivi, tutto ciò non basta però per siglare il gol della bandiera in favore dei locali. A una dozzina di minuti dal termine del match fa il suo esordio in campo, applauditissimo dagli Indians, i tifosi Viola, Ettore Vallocchia.
Il pendolino che tanto bene giocó negli anni di Mister Bruschi e Coach Bigozzi rende un pizzico meno amara una domenica fredda, freddissima sotto tutti i punti di vista, non soltanto considerando l’arrivo dei giorni della merla. Sorride il Quercegrossa che guadagna, dopo “il mese nero”, tre punti esterni fondamentali per proseguire la lotta alle parti alte della classifica.
Per il Chianciano la debacle odierna allontana i sogni e le speranze di riacciuffare, da qui a primavera, la possibilità di giocare i play out post season di fine campionato.

Virtus Chianciano - Quercegrossa 0-3

Virtus Chianciano: Figuretti, Lambiase, Scannicchio, Scassagreppi, Gomon, Tassone, Stringano, Valentini, Mohamaddou, Fabio, Ubah. A disposizione di mister Del Balio: Esposito, Barbetti, Vallocchia, Marenna, Seck, Da Conceicao, Galli, Romeo, Uduh.

Quercegrossa: Grieco, Pagliantini, Viani, Donati, Lorenzoni, Pacini, Butini, Giacomini, Redditi, Battagello. A disposizione di Mister Marchi: Bonucci, Moscatelli, Cencioni, Bagnacci, Marchetti, Fabbiani, Bernabei, Gori, Di Marco

Arbitro: Sig. Raciti

Gol: 3’ Redditi - 45+4 Battagello - 51’ Sani


Giacomo Testini


Nella foto: i due allenatori, Marchi e Del Balio.

domenica 13 gennaio 2019

Virtus Chianciano Vittoria col Cuore


Tutte le partite di un qualunque campionato valgono tre punti, questo è, per antonomasia, l’assioma più naturale del calcio.
Però è altrettanto vero che, alcuni match, per tradizione, situazione di classifica e storia di una competizione, hanno un peso specifico decisamente maggiore.
Chianciano vs Amiata, è sicuramente uno di questi incontri. I Viola, così come nel match contro i blues di sette giorni orsono con il Torrita, partono decisi e pimpanti, Simone Fabio apre regolarmente il compasso e disegna geometrie in mediana e Valerio Valentini, in One-to-one, in versione Lebron James & Matt Dellavedova, come ai tempi dei Cavs, per parafrasare un paragone cestistico, come lo definirebbe il maestro Federico Buffa, produce gioco con Il classe 1998 Jac Da Conceicao.
Tuttavia sono però gli ospiti, sfruttando una disattenzione della retroguardia termale, a passare in vantaggio quando il cronometro segna il minuto numero quindici.
Coppi è abile nel dribbling e consequenzialmente a superare il quotato Figuretti. I ragazzi di Del Balio e Galli non ci stanno e una dozzina di minuti più tardi, al 27esimo, usufruendo dello spazio concesso a Momo Mohamaddou sull’out mancino, riescono, grazie ad un assist di quest’ultimo, a mettere Ubah Chimezie in condizione di battere, rasoterra, l’ex golkeaper del Torrenieri Jack Palmi. Per l’attaccante di Maresca è il settimo sigillo stagionale.
Prima dell’intervallo, lo stesso numero uno amaranto Palmi salva la sua porta, di piede, su una punizione calciata dal playmaker ex Chiusi, Simone Fabio.
Nella seconda frazione il team montagnolo, presieduto dal grande Zilianti (che pochi giorni fa ha spento la sessantesima candelina, oltre la metà delle quali spese per la causa dell’equipe del suo paese fondata nel 1931) ci prova e al 58’ Buti si divora una grande occasione da rete. Leporini e Caccamo mostrano lo loro qualità, ma la Virtus cresce col passare dei minuti. Stringano fa il totem, Lambiase si conferma un lusso per la categoria e Scassagreppi fa legna.
Tassone ci mette la sua grande esperienza e al 78’ un tracciante secco e preciso di Valentini completa la remontada e fa esplodere la tribuna Betti del Maccari Stadium, oggi gremita con oltre cento unità. Gli indians del paese dell’acqua Santa non fanno mancare il loro tifo e sull’onda dell’entusiasmo, Ubah prima e Da Conceicao poi, vanno vicini al tris. Il triplice fischio è liberatorio.
Il Chianciano di Landi e Sanchini conquista il bottino pieno. Col cuore, gli artigli e il Del Balio effect, i virtussini portano a casa una vittoria che potrebbe far cambiare radicalmente l’inerzia di un girone di andata che ha visto la troupe nata nel 1945 al di sotto del suo reale potenziale.

Virtus Chianciano - Amiata 2-1

Virtus Chianciano: Figuretti, Stringano, Lambiase, Scassagreppi, Gomon, Tassone, Mohamaddou, Valentini, Da Conceicao, Fabio, Ubah. A disposizione di Mister Del Balio: Romeo, Vallocchia, Barbetti, Uduh, Esposito, Scannicchio

Amiata: Palmi, Viti, Bisconti, F. Caccamo, Notari, Magini, Savelli, Buti, Coppi, Leporini, Andreoni. A disposizione di Mister Savelli: Pierguidi, Ballerini, Pinzuti, G. Caccamo, Sabatini, Faedda, Fabbrini.

Arbitro: Sig. Guido Lochi

Gol: 15’ Coppi - 27’ Ubah - 78’ Valentini


Giacomo Testini

Nelle foto: Marco Del Balio, la vice presidente Viola Landi e il patron amaranto Zilianti

domenica 6 gennaio 2019

Virtus Chianciano sconfitta in casa dal Torrita


Nel giorno dell’Epifania, a mangiare i dolci, nell’atteso derby del sud senese, sono i blues di Torrita. Partita non bella quella disputata al Maccari Stadium, ma assolutamente combattuta ed equilibrata. C’era curiosità nel rivedere sulla panchina termale il duo Del Balio-Galli che tante gioie regalò alla fine degli anni ‘80 alla popolazione chiancianese.
L’impatto dei due mister, applauditissimi dalla tribuna Betti, si è visto, la Virtus non porta a casa punti, ma sicuramente non merita neanche il carbone della Befana dopo la prestazione intensa offerta oggi. Dopo una mezza dozzina di minuti il team presieduto da Sanchini perde subito Giovanni Esposito per un problema muscolare, subentra il versatile Scassagreppi.
La prima frazione si gioca in fraseggio, le due squadre si annullano a centrocampo e i valori tecnici sembrano essere decisamente paralleli nonostante una classifica ben diversa.
Al minuto numero diciannove Da Conceicao arpiona, facendo la famosa mossa dello scorpione, una sfera difficile. Il pallone si insacca ma purtroppo per il player classe 1998 il gioco è fermo per offside. Stringano e Lambiase spingono propositivamente sulle fasce di appartenenza senza però riuscire a mettere Mohamadou in condizione di battere a rete.
La ripresa vede un Torrita ordinato e concentrato, il Chianciano ci prova con una bella conclusione di Valentini, anche oggi tra i migliori in mezzo al campo, ma il tiro scheggia la traversa prima di concludere la sua corsa fuori dal rettangolo di gioco.
Figuretti fa un vero miracolo su Pandolfi, salvando all’angolino basso e Il fortissimo duo Gregori-Mulas sforna giocate in un fazzoletto. Al settantesimo, una strepitosa falcata di Ubah Chimezie viene interrotta dal portierone ospite Silvio Belli che lo stende al limite dell’area di rigore. Potrebbe essere fallo da ultimo uomo e relativo penalty, ma per il direttore di gara, la signora Labate, che nel complesso ha gestito bene il match, il cartellino è giallo e l’infrazione non avvenuta all’interno dell’area.
Minuto numero trentaquattro del secondo tempo: un tiro secco da fuori area dei chianini colpisce la traversa, in tap in, di testa, il neo entrato Romano è il più veloce a ribattere in gol e a sbloccare le ostilità. I ragazzi che difendono i colori del paese dell’acqua santa accusano il colpo e centoventi secondi più tardi una disattenzione di Gomon lancia ancora Romano che a tu per tu con il portiere locale è bravo ad infilarlo al primo palo.
Entra Marenna e Fabio Simone con grande personalità fa il playmaker giocando una quantità industriale di palloni.
Ubah al 44’ conquista un calcio di rigore trasformato con freddezza dallo stesso numero quattro ex Chiusi.
Non c’è più tempo però, l’US festeggia i tre punti con i propri ultras, giunti numerosi e chiassosi anche oggi in trasferta. Per la Virtus una gara di contenimento, dove per tre quarti di sfida non ha sofferto praticamente nulla.
C’è molto da lavorare per cercare di ottenere la salvezza ma la sensazione dei sostenitori del DG Maresca è discreta. Oggi in tribuna si sono rivisti anche tante ex glorie come Bruno Cesarini, Tanini, Aggravi e Del Toro, per quest’ultimo un vero derbissino, visto che il figlio ha giocato gagliardamente con la divisa azzurra del Presidente Goracci.

Virtus Chianciano - Torrita 1-2

Virtus Chianciano: Figuretti, Stringano, Lambiase, Fabio, Gomon, Tassone, Esposito, Valentini, Da Conceicao, Ubah, Mouhamadou. A disposizione di Mister Del Balio: Romeo, Vallocchia, Barbetti, Marenna, Uduh, Scassagreppi

Torrita: Belli, Lombardi, Materazzi, Del Toro, Bindi, Mulas, Pandolfi, Gregori, Agati, Cuccoli, F. Rossi. A disposizione di Mister Damora: Guerrieri, Posi, Fettolini, Sangermano, R. Rossi, Sabatino, Romano, Rafik.

Gol: Romano al 77’ e 79’ - Fabio Simone al 91’ (Rig)

Arbitro: Signora Eleonora Labate sez. Firenze


Giacomo Testini


Nella foto odierna Mister Marco Del Balio e il suo vice Mauro Galli.

domenica 16 dicembre 2018

La Virtus Chianciano vince contro l'Alberese


Con personalità, grinta e cuore la Virtus Chianciano porta a casa tre punti importantissimi dopo una settimana molto difficile sotto molteplici aspetti.
Già al quarto minuto Esposito prima e Stringano poi, creano scompiglio nella retroguardia bianconera. Tuttavia sono però i maremmani a sbloccare il punteggio al 21esimo.
De Carolis si procura un penalty kick che lui stesso si incarica di calciare e trasformare. La reazione viola è veemente: neanche cinque minuti e Mohamadou da dentro l'area, con un bel guizzo batte a rete e segna il punto del provvisorio 1-1.
Il Chianciano, sostenuto dai suoi tifosi, guadagna campo e su una punizione di Valentini porta i suoi compagni in vantaggio poco prima dell'intervallo. Nella seconda frazione il tema non cambia, il team oggi allenato da Maresca e Barbetti gioca una gara di qualità e quantità: Figuretti è sicuro tra i pali, Scassagreppi, Tassone e Gomon sono puntuali in difesa, Fabio Simone è un gigante a centrocampo e Valentini fa il playmaker in mediana.
Da Conceicao ci prova in acrobazia e al 63' su un corner mancino, Ubah Chimezie sale in cielo e trasforma di testa il gol che chiude i conti. I grossetani provano l'arrembaggio finale ma è troppo tardi, il risultato non cambia più.
Dopo la rescissione consensuale con Ciccio Esposito, la Virtus trova una domenica di festa, meritata sotto tanti punti di vista. Da segnalare che oggi, per ricordare Matteo Della Lena, lo sfortunato ragazzo termale deceduto pochi giorni fa, la società locale ha voluto far dare il calcio di inizio a Guido, il fratellino del giocatore cresciuto nel paese dell'acqua santa.
Un messaggio di vicinanza, sportiva ed umana verso una bellissima famiglia.

Virtus Chianciano - Alberese 3-1

Virtus Chianciano: Figuretti, Stringano, Scassagreppi, Fabio, Gomon, Tassone, Esposito, Valentini, Da Conceicao, Mohamadou, Ubah. A disposizione di mister Maresca: Romeo, Barbetti.

Alberese: Allegro, Vigni, Terzaroli, Minteh, F. Pastorello, La Spina, Baldin, Gelso, Corridori, De Carolis, Francioli. A disposizione di mister Francioli: Fancellu, Abbate, Breggia, W. Pastorello, Ferrini, Franci, Bianchi, Alessandroni, Riitano.

Arbitro Sig. Romano sez. Arezzo

Gol: 21' De Carolis (rig.) - 25' Mohamadou - 45' Valentini - 63' Ubah

Espulso: 72' Da Conceicao 


Giacomo Testini

Nella foto odierna Gino Maresca e Cristiano Sanchini, i vertici societari della squadra che difende i colori del paese dell’acqua santa

sabato 15 dicembre 2018

Cambio Allenatore per la Virtus Chianciano



Con questo Comunicato la Virtus Chianciano annuncia la risoluzione del contratto ed il cambio in panchina per la squadra iscritta al campionato di prima categoria:

Mister Massimo Esposito
La Virtus Chianciano comunica la risoluzione consensuale del contratto con Mister Massimo Esposito. Ringraziamo il Coach per l’impegno dedicato e gli auguriamo buona fortuna per il suo futuro sportivo. Domenica, in occasione del match interno contro l'Alberese la squadra sarà guidata da Marco Barbetti e Gino Maresca.

Valtubo