Clicca su questo Banner per entrare nel Blog dei Chiancianesi


La Cantina dove trovate lo Spumante del "Man of the Match"
Amministratore ed articoli Vikings Chianciano Rugby e Virtus Chianciano Volley: Valtubo (Valerio Tubino), Articoli e foto Virtus Chianciano Giacomo Testini foto Vikings Chianciano Rugby Filippo Alimenti

I Vikings Chianciano Rugby tornano nel prossimo campionato 2017-2018!!!!

giovedì 30 aprile 2015

Si Parla dei Vikings Chianciano Rugby su NTI!


Dal Canale VALTUBOBLOG su YOUTUBE

Ecco l'estratto video dell'intervento, dell'allenatore dei Vikings Chianciano Rugby Ugo Massai e dell'addetto stampa Valerio Tubino, nella trasmissione Newsroom Live, andato in onda in diretta su NTI (canale 271 digitale terrestre) il 28.04.2015 alle 18. 

Valtubo

martedì 28 aprile 2015

Virtus Chianciano: Il Pagellone di Giacomo Testini


Il pagellone:

Marianelli: le stagioni passano, l'esperienza aumenta. Il portierone torritese ha superato le 34 primavere ma anche in questo campionato ha dimostrato il suo valore. Sempre felino puro sangue tra i pali. 7,5
Lodi: adattato in più ruoli e più situazioni tecnico tattiche, ha saputo portare il suo contributo in moltissime occasioni. Peccato per l'infortunio che le ho tenuto fuori nelle ultime giornate. Una certezza 7,5
Fallerini: mancino puro, tecnicamente e fisicamente dotato come pochi se ne vedono in seconda categoria. La sua fascia di competenza, quella sinistra appunto, è stato un territorio che ha protetto gagliardamente. Brillante 7,5
Vallocchia: E' arrivato di rincorsa e per giunta dalla squadra amatoriale, ha dimostrato grinta e caparbietà, una soluzione tattica importante per Bigozzi e un punto di riferimento per il suo reparto. La bella sorpresa di questo torneo 7.5
G. Benicchi: affidabile e concreto, un giocatore duttile e all'occorrenza ruvido. Stagione positiva per il difensore viola che ha mostrato al pubblico termale tackle impetuosi e salvataggi decisivi. Concreto 7,5
Cozzi Lepri: reinventato in un ruolo non suo, si è dimostrato leader del reparto difensivo. Un campionato di grande sostanza per il numero 6 viola. Determinato e determinante, ha sbrogliato tante situazioni complesse con eleganza. Nel piccolo ricorda Franz Beckembauer. 8
Daviddi: il gemello della retroguardia viola insieme a Cozzi. Atleta completo e compatto. Finché è stato bene, insieme ai colleghi difensivi, ha costruito un muro quasi invalicabile per gli attaccanti avversari. Decisivo anche in zona gol. Fondamentale 7,5
Barbetti: la bandiera, il capitano e il leader carismatico di questa formazione sotto tanti aspetti. Gli infortuni lo hanno tormentato per tanti mesi, ma il centrocampista termale anche nella sua tredicesima stagione consecutiva con la muta viola, ha messo al servizio della squadra tutta la sua personalità. Intramontabile 7,5
Valdambrini: forse la sfida decisiva contro il Palazzo del Pero è stata la sua ultima presenza con la casacca bianco-viola sulla pelle. Lui la divisa del Chianciano ce l'ha ormai "tatuata" sulla pelle. L'esperto centrale chiancianese ha continuato a dare tantissimo ai colori virtussini, sia in campo che fuori. Chapeu alla sua lunga e prestigiosa carriera 7,5
M. Fucelli: eclettico, propositivo e geometrico. Giocatore di qualità e quantità. Un pezzo da tenere in grande considerazione. L'impressione è che possa dare ancora di più alla maglia e alla causa. Calciatore totale 7,5
L. Fucelli: giovane e talentuoso. Dotato di dribbling sopraffini e doti decisamente notevoli. C'è un pizzico da lavorare sulla parte fisica e atletica, ma l'idea unanime è che il ragazzo può solo crescere sotto tutti i punti di vista. Saranno famosi 7,5
G. Esposito: probabilmente il pezzo da novanta della Virtus, un'inizio di stagione devastante e una fase centrale un po' troppo blanda per un giocatore di prestigio come lui. A tratti imprendibile, da lui ci si aspetta sempre di vederlo sgusciate via sulla fascia o una grande giocata nello stretto. Fulmine 8
Rosadini: a 37 anni, per forza di cose non può essere al top della condizione fisica. Dove non arriva più lo slancio e la corsa, c'è sempre comunque la tenacia, la compattezza mentale e il grande fiuto del gol che ne fanno e ne hanno fatto anche in questo 2014-15 un attaccante prolifico e temibilissimo per gli stopper avversari. Decisivo 8
Cappelli: veniva da una stagione dove non ha giocato molto, la concorrenza non era semplice per il giovane centravanti virtussino, eppure il vent'enne viola ha siglato tre reti stagionali decisive. Deve necessariamente continuare a lavorare per maturare e completarsi. I tifosi lo aspettano al top nel breve periodo. Patrimonio su cui investire 7,5
Massoli: un gol, diverse presenze da titolare, sopratutto nella seconda porzione di stagione, e un bagaglio d'esperienza che si arricchisce domenica dopo domenica. Anche per lui vale il discorso della maturazione psicofisica. In rampa di lancio, ossia in attesa di spiccare il volo. 7,5
Festa Virtus Chianciano in campo
G. Fucelli: il "portiere di coppa" ha mostrato un fisico top, un dono che l'estremo difensore viola deve sfruttare e potenziare al 100% per salire l'ultimo gradino che lo può portare ad essere il titolare della rosa. C'è da sudare e lottare, come per tutte le cose, ma la compagine dell'acqua santa è assolutamente fiduciosa nella sua scalata. Prorompente 7,5
Ramini: un grave infortunio lo aveva tenuto lontano dai campi per tanti mesi. Il ginocchio dopo aver fatto crack ha impedito al portiere del Chianciano di mostrare le due qualità per tutti gli otto neri di stagione. Il destino ha peró voluto che fosse proprio lui il numero 1 nella decisiva sfida di fine campionato. Salvatore 7,5
Landi; il veterano, la chioccia, l'uomo spogliatoio di questa squadra. Quarant'anni e non sentirli. La sua voglia di giocare, combattere e mettersi in discussione sono stati sncora una volta encomiabili. Si è tolto lo sfizio di segnare un gol pesante in Coppa Toscana e di contribuire in tanti modi a questa fondamentale salvezza. Leader silenzioso 7,5
Della Lena: non ha giocato molto, ma non lo ha mai fatto pesare, alla sua età tanti colleghi a cui non viene garantito un determinato minutaggio, sopratutto nei campionati non professionistici, abbandonano la truppa e mollano gli ormeggi. Il "vecchio Valerio" non fa parte di questo tipo di giocatore. Le sue caratteristiche sono utili e il suo appoggio è un aspetto su cui contare. Gregario con proprietà indiscusse 7,5
Marchetti, Poggiani, Riccio, M. Benicchi, Del Buono e Riccio: a modo loro hanno tutti contribuito alla permanenza in seconda categoria della Virtus. Alcuni di loro, vuoi per infortuni gravi, vuoi per defezioni personali, non hanno potuto portare a termine la stagione. Benicchi è uno dei centrocampisti più quotati e apprezzati nel panorama senese di categoria, le immense e considerevoli qualità di Del Buono sono sotto gli occhi tutti, il grande passato di Poggiani e l'apporto che possono dare, sia nel rettangolo di gioco, che fuori dal campo Marchetti e Riccio anche. Li aspettiamo per nuove sfide.
O. Esposito: l'ultimo arrivato, inteso come rinforzo del mercato invernale, ma sicuramente il primo ad integrarsi nella famiglia Virtus. Spirito di adattamento e freschezza sono state le peculiarità del calciatore di origini partenopee che con umiltà ha messo ha disposizione dello staff tecnico. Qualche buona giocata e robustezza in mezzo al campo. La festa salvezza è anche sua. Prezioso 7,5
Paolo Bigozzi: guida tecnica di questa squadra, ha da subito saputo leggere la situazione, affermando in tempi non sospetti che il parco giocatori a disposizione era consono per centrare l'obiettivo salvezza. Un campionato sempre a cavallo tra la parte sinistra è quella destra della classifica, una produzione di gioco a tratti spumeggiante e diverse rimonte di prestigio. Sul finale ha temuto l'harakiri, ma ha comunque interpretato al meglio le volontà della sua squadra e della società. Condottiero 8
La società: il presidente Cozzi Lepri, il Vice Presidente e main sponsor Landi, il DG Alliegro, il DS Valdambrini, il segretario Crociani, fino ai magazzinieri Bettollini e Mazzetti, passando doverosamente per il preparatore atletico Martino e l'allenatore dei portieri Paolini. Ognuno ha portato il suo mattoncino per costruire la salvezza, solo così si arriva agli obiettivi prefissati e si conseguono importanti risultati tecnici e perché no, umani, che da diversi anni gli uomini e le donne viola sono abituati a regalare ai tifosi chiancianesi della Virtus.

Giacomo Testini

lunedì 27 aprile 2015

Festa Salvezza per la Virtus Chianciano!

Festa Virtus negli spogliatoi
Ci sono voluti sette lunghi mesi di battaglie e sofferenze, trenta partite tirate e sofferte e tanta passione e dedizione, ma alla fine la Virtus ce l'ha fatta.
Era una vera e propria finale, uno scontro senza domani quello che si è disputato allo Stadio Maccari di Chianciano tra i Viola e il Palazzo del Pero.
Il team chiancianese arrivava a questo decisivo appuntamento dopo quattro sconfitte consecutive ma con un punticino di vantaggio sugli ospiti, diretti concorrenti per restare in seconda categoria. La Virtus aveva quindi a disposizione due risultati su tre, anche se il girone di ritorno e gli ultimi due mesi di stagione avevano mostrato una squadra termale stanca, in difficoltà è parzialmente scoraggiata dalla grande rimonta del Palazzo e del Montecchio.
C'era grande attesa e tanto pubblico sugli spalti del comunale, il Chianciano comincia con la pressione addosso e la tensione sui volti dei protagonisti, la posta in palio è altissima. Ne consegue che gli uomini di Parri passano in vantaggio dopo 19 minuti grazie ad un'incursione sulla fascia destra, (partita da presunta azione di off side di Favilli) che mette in condizione Pecorari di battere Ramini.
Lo stesso Ramini è grande protagonista in un paio di occasioni del Palazzo del Pero, ma le grandi leve e l'autorevole struttura fisica e tecnica lo aiutano a salvare la porta viola. La Virtus ci prova con capitan Barbetti ma il tiro finisce alto in conclusione di primo tempo.
La seconda frazione di gioco cambia drasticamente il tema tattico, ora sono gli uomini dell'Acqua Santa a rincorrere. Lo spettro play out - retrocessione è tangibile, ma il Chianciano getta cuore e anima in campo e nonostante l'espulsione di Mister Bigozzi riacciuffa il pareggio con una punizione mancina di Rosadini che gioca di sponda col palo e trafigge Maccarini.
L'1-1 potrebbe andare bene si fini della classifica finale alla Virtus, ma ora l'inerzia è tutta dalla parte virtussina. Entrano Valdambrini e Cappelli per i viola (oggi in maglia bianca) da una parte e Canestrini e Corradeschi per i gialli, la partita è bella e intensa, su un lancio millimetrico di Valdambrini per un ottimo Esposito, la velocissima ala partenopea supera l'estremo difensore aretino e va ad esultare sotto la tribuna, siamo al 36' e il Match sembra aver messo i titoli di coda.
Gli ultimi minuti mostrano un Palazzo che tenta il tutto per tutto, dopo un grande girone di ritorno e una campagna acquisti nel mercato di riparazione mirata e positiva, il miracolo non è da escludere totalmente. Turrini assegna sei minuti di recupero, ma è il giovane Cappelli che mette la parola fine a questo finale thrilling. La sua seconda preziosa gemma stagionale vale il 3-1 e la grande festa negli spogliatoi.

Virtus Chianciano - Palazzo del Pero 3 - 1

Virtus Chianciano: Ramini, Benicchi, Fallerini, Barbetti (cap.), Daviddi, Cozzi Lepri, G. Esposito, M. Fucelli, Rosadini, L. Fucelli, Massoli. Allenatore: Paolo Bigozzi
Palazzo del Pero: Maccarini, Bennati, Paraipan, G. Rossi, Albergotti, Cilluffo, Baldi, Favilli (cap.), Bellucci, Leotta, Pecorari. Allenatore: Mauro Parri.
Reti: 19' Pecorari - 27' Rosadini - 36' Esposito - Cappelli 96'
Arbitro: Turrini di Firenze

Giacomo Testini

mercoledì 22 aprile 2015

Domenica tutti allo Stadio a tifare Virtus! I Viola si giocano la salvezza nell'ultima di campionato!!

Tribuna Mario Betti Stadio Mario Maccari Chianciano Terme
Tutto in novanta minuti. Un'intera stagione che si gioca in un'ora e mezza di gioco. Un confronto che vale come e più di una finale secca. In palio c'è la permanenza in seconda divisione e se la contenderanno la Virtus Chisnciano e il Palazzo del Pero.
Un match atteso, una sfida sentita che metterà la parola fine a oltre sei mesi di battaglie. La Virtus avrà a disposizione due risultati su tre, forte dei due punti di vantaggio sugli aretini. Potrà inoltre contare sul fatto di giocare questo match davanti le mura amiche, ma necessariamente dovrà fare i conti con una cabala che la fa tornare indietro nel tempo di dodici mesi. 
Anche un anno fa i viola erano imbrigliati nella bagarre per evitare le retrocessione, una serie negativa di risultati nel finale di stagione e lo spareggio buttato via contro il Ponte d'Arbia condannarono i termali alla seconda categoria. In casa Virtus c'è fiducia ottimismo e tranquillità, un secondo harakiri non deve e non può verificarsi. La squadra, escludendo questi ultimi due mesi ha mostrato un discreto gioco collettivo e non è mai stata a ridosso della zona rossa play out, anche se, come tutti gli sportivi calciofili sanno bene, In una sfida unica tutto può succedere. Il caldo, la condizione fisica, lo stato mentale, un semplice episodio o ancora un avvenimento fortunato o sfortunato potranno fare la differenza e spostare l'ago della bilancia.
I ragazzi di Bigozzi avevano la permanenza in pugno già il 15 marzo, ma una concomitanza di eventi, le quattro sconfitte consecutive del Chianciano e la grande remontada dei rivali, culminata con le vittorie sul forte Montagnano e le Piazze, hanno fatto si che il gap si riducesse clamorosamente. Concentrazione, intensità e consapevolezza dei propri mezzi saranno le armi e le parole d'ordine da gettare allo stadio Maccari domenica pomeriggio.
Una debacle sarebbe difficile da digerire e giustificare, un torneo giocato tutto sommato brillantemente non può essere gettato alle ortiche per un lasso di tempo in cui rimonte subite, infortuni, squalifiche e decisioni arbitrali discutibili sono stati gli elementi predominanti nell'ambiente del Paese dell'Acqua Santa. Dentro o fuori. Salvi o condannati, vincitori o vinti. Sarà il rettangolo di gioco a decretare chi sarà più meritevole di festeggiare. L'attesa sale e con essa la curiosità e il desiderio di sapere come finirà questo finale di campionato al cardio palma. Conclusione thrilling anche per il Montecchio che seguirà con molto interesse la battaglia tra Virtus e Palazzo. La terza contenente, appunto il Montecchio, se la vedrà con la già retrocessa Monterchiese, una vittoria, che appare come una formalità, le garantirebbe la permanenza in seconda categoria anche nel 2015-16.
Non resta che attendere sapere come si concluderà questo "film giallo" che neanche Alfred Hitchcock avrebbe scritto così incredibilmente articolato. Anche in vetta gli ultimi novanta minuti saranno decisivi, lo Spoiano se vince conquista il campionato, L'Arezzo Academy dopo una rincorsa epica (23 risultati utili consecutivi) tenterà l'ultimo colpo, ma due punti ad una giornata dalla fine sono un ostacolo quasi invalicabile. Per quanto concerne le altre formazioni facenti parte della franchigia Virtus, ottima vittoria nell'ultimo impegno annuo per la il Chianciano Donne. Il 4-0 inflitto al San Miniato posiziona le ragazze viola al terzo posto.
Domenica è in programma l'ultima partita, ma la squadra di Acunto e Paolini osserverà il turno di riposo previsto dal calendario. Il Siena festeggia con merito la promozione in B, le ragazze del calcio in gonnella brindano comunque ad un'ottima stagione. Capitolo pallavolo: ennesima vittoria per la Virtus Volley che strapazza per tre set a zero la Libertas Orcia.
Le Donne hanno invece perso 3 a 0 contro Rapolano. Il prossimo turno vedrà una curiosa coincidenza, tutta la Virtus in zona di montagna: i maschi a Piancastagnaio domenica ore 20,30. Le femmine ad Abbadia S. Salvatore domenica alle 17. Concludiamo la carrellata sulle squadre Virtus con il calcio UISP: Special Mac-Pienza 0-3, sempre la solita emergenza in casa viola, Venerdi sera ultima giornata in notturna al Maccari contro il Monticchiello. Unica nota positiva la matematica che vede i termali penultimi perché il Sarteano, ultimo, è staccato di 4 lunghezze. Sta per concludersi una stagione sofferta, complicata e complessa. In casa Special Mac si iniziano a tirare le somme e si teme per il futuro che appare nebuloso incerto.


Giacomo Testini

lunedì 20 aprile 2015

Derby della Provincia i Vikings cedono con onore!

Derby della Provincia foto Vikings Chianciano sotto striscione

Domenica al campo Castagnolo di Chianciano è andato in scena il 6° Derby della Provincia tra Vikings Chianciano e CUS Siena Cadetti, recupero della 15^ giornata.
6° Derby della Provincia
Le due squadre si sono affrontate a viso aperto, con un buon equilibrio nelle mischie e nelle touche, nel primo tempo però i Vikings, supportati anche da uno striscione apparso a bordo campo, non riescono a trovare una buona organizzazione, apparivano poco concentrati, favorendo cosi il CUS Siena che ne approfitta reallizando due mete, di cui una trasformata, ed un calcio e chiudendo il primo tempo sul 15 - 0.
Nel secondo tempo, dopo una strigliata negli spogliatoi, si vedono i veri vichinghi, i placcaggi sono più decisi e la squadra comincia a costruire il gioco, pur commettendo qualche errore di troppo come al solito, il secondo tempo si chiude con tre mete, Roghi, Sestini Paolo e “Vali” Movileanu che ha anche segnato tutti i calci di trasformazione, realizzate dai Vikings e tre mete dal CUS Siena che ne trasforma solo una, risultato finale 21 – 32 per gli ospiti.
Bel CUS Siena Cadetti nel primo tempo anche favorito dagli avversari, ma capace sempre di sfondare le prime linee anche grazie alle molte individualità, vince il 6° Derby della Provincia e con Alessandro Capresi anche il “Man of the Match” del Blog Barsport Valtubo offerto dalle cantine Gavioli; per i Vikings Chianciano dopo un primo tempo senza essere entrati mentalmente in campo, ottimi segnali da un secondo, dove hanno dimostrato sul campo e con onore tutte le loro qualità, nella stagione sicuramente più difficile della loro breve storia.

Derby della Provincia Vikings Chianciano vs CUS Siena Cadetti

Vikings Chianciano Rugby – CUS Siena Cadetti 21-32

VIKINGS CHIANCIANO: Ferretti Pietro, Vulpetti Marco, Giuliacci Francesco, Roghi Mirko, Fè Massimiliano, Movileanu Doru Vasilica, Senatore Fabio, Cestari Tommaso, Storelli Flavio, Canterini Erik, Bettollini Simone, Sestini Paolo, Bacherotti Stefano, Alfatti Matteo, Cappelli Andrea A DIPOSIZIONE: Culicchi Massimo, Rosati Riccardo, Forzoni Saverio, Pagano Filippo, Fabbrizzi Alessio, Duprè De Foresta Marco, Chierchini Alessio ALLENATORI: Ugo Massai, Nicolas Annoscia - Allenatore dei Forwards / Mischia


Valtubo


Vikings Chianciano Rugby foto di Fine Stagione

lunedì 13 aprile 2015

Niente da fare per i Vikings contro i Neo-Campioni del Limmi CUS Perugia!

Fonte la rete
Domenica sul campo di Pian di Massiano a Perugia per i Vikings Chianciano ultima giornata di campionato, con una “trasferta impossibile”, contro i neo campioni del Limmi CUS Perugia, la partita giocata in una giornata dal clima perfetto ha visto un dominio costante della squadra di casa che ha vinto il campionato di serie c2 con una giornata di anticipo.
Il CUS Perugia ha fatto subito capire, come sempre capita nel rugby, che avrebbe rispettato in pieno l’avversario e l’impegno, giocando al meglio delle sue possibilità.
La partita è stata tutta a senso unico, con il CUS Perugia che ha realizzato 16 mete con 15 giocatori biancorossi diversi, di cui 5 trasformate da Volpa, interrotta solo da due sprazzi dei Vikings con Lispi e Duprè, impressionante la mentalità dimostrata dalla squadra perugina, il capitano del CUS, subita la seconda meta da parte dei Vikings, ha strigliato la propria squadra come se avessero subito una meta decisiva.
Con questa vittoria la Limmi Cus Perugia chiude il campionato interregionale di rugby maschile di serie C2 girone Umbria e Toscana con l’ennesima vittoria per ben 89 a 12, i ragazzi di Alessandro Speziali si sono imposti con carattere e sacrificio; per i Vikings Chianciano buona la mischia che ha prodotto le due mete e comunque hanno dimostrato di mettercela tutta per cercare di ben figurare.
Prossima settimana recupero a Chianciano della partita rinviata contro il CUS Siena per il derby della Provincia.

Limmi CUS Perugia - Vikings Chianciano Rugby 89-12

VIKINGS CHIANCIANO: Ferretti Pietro, Bettollini Simone, Giuliacci Francesco, Vulpetti Marco, Fè Massimiliano, Movileanu Doru Vasilica, Senatore Fabio, Lispi Emanuele, Canterini Erik, Storelli Flavio, Sestini Paolo, Sestini Jacopo, Bacherotti Stefano, Cappelli Andrea, Duprè De Foresta Marco A DIPOSIZIONE: Culicchi Massimo, Roghi Mirko, De Marco Francesco, Alfatti Matteo, Fabbrizzi Alessio, Rosati Riccardo, Forzoni Saverio ALLENATORI: Ugo Massai, Nicolas Annoscia - Allenatore dei Forwards / Mischia

LIMMI CUS PERUGIA: Clicheroux, Bellezza G., Volpa, Nunzi (Milizia F.), Quagliani (Marionni), Biondo, Bellezza A., Sonini, Marucchini (Viscardi), Bolli (Bisciotti), Lucacci (Cruciani), Milizia T. (Manciati), Tesorini, Sampalmieri, Mattioli (Salman). ALLENATORE: Alessandro Speziali.
Mete: Nunzi (CP), Sampalmieri (CP), Clicheroux (CP), Marucchini (CP), Quagliani (CP), Lispi (VC), Bellezza (CP), Volpa (CP), Bisciotti (CP), Biondo (CP), Salman (CP), Milizia F. (CP), Tesorini (CP), Duprè (VC), Sonini (CP), Manciati (CP), Milizia T. (CP) Trasformazioni: 5 Volpa (CP), 1 Movileanu (VC) .


Valtubo