Clicca su questo Banner per entrare nel Blog dei Chiancianesi


La Cantina dove trovate lo Spumante del "Man of the Match"
Amministratore ed articoli Vikings Chianciano Rugby e Virtus Chianciano Volley: Valtubo (Valerio Tubino), Articoli e foto Virtus Chianciano Giacomo Testini foto Vikings Chianciano Rugby Filippo Alimenti

I Vikings Chianciano Rugby tornano nel prossimo campionato 2017-2018!!!!

lunedì 21 agosto 2017

Tutte le novità in casa Virtus Chianciano



A tutte le latitudini e ad ogni longitudine, calcisticamente parlando, questa summer 2017 si sta dimostrando davvero ricca di novità.
Il periodo storico che stiamo vivendo verrà sicuramente ricordato per la clamorosa operazione mercato di Neymar compiuta dagli sceicchi del PSG, per l'introduzione della VAR sui campi di Serie A e per le cinque sostituzioni che vedremo nel prossimo campionato di Serie C.
Anche a Chianciano, in casa Virtus, con le debite proporzioni si è vissuta una primissima porzione di stagione intensa e decisamente non noiosa, per usare un sottile eufemismo.
Dopo l'addio alla Società, annunciato in diretta televisiva su Tele Idea, Mitri Pistoi, già direttore sportivo tra il 2015 e il 2017, è tornato sui suoi passi e grazie anche all'operato, al progetto e al carisma del nuovo Direttore Tecnico Gino Maresca, l'ex difensore viola di fine anno '80 ricoprirà, anche in questo campionato, il ruolo dirigenziale che già ha svolto a Chiusi e a Pienza.
Lo staff manageriale ora appare definito e cristallino in ogni sua forma. Il nuovo consiglio direttivo sembra davvero affiatato e compatto.
È il primo passo, come ha annunciato il Presidente Maurizio Fucelli, per ricreare un ambiente solido, propositivo e vincente.
Lo stesso patron ha anche dichiarato, con soddisfazione, che anche la formazione juniores si iscriverà regolarmente al campionato provinciale.
Sul back stage di questo scenario, Maresca, coadiuvato dai suoi preziosi aiutanti, sfruttando la sua caparbietà e saggezza, sta cercando la collaborazione di società professionistiche da affiancare ad un eventuale prossimo settore giovanile virtussino.
Sul campo anche la squadra sembra ormai pronta per affrontare la seconda categoria, proprio oggi i ventisette tesserati a disposizione del nuovo coach Moreno Macchiaiolo hanno cominciato la preparazione pre season allo stadio comunale Castagnolo della cittadina termale.
Forse manca ancora una pedina a centrocampo, ossia la famosa ciliegina "promessa" da alcuni dirigenti dell'undici che vedrà Brachi come preparatore dei portieri, ma decisamente, sicuramente ed inequivocabilmente questa Virtus 1945 sembra più che mai solida e robusta in ogni reparto.
Sono arrivati, come già descritto nelle settimane passate, elementi di spessore, players blasonati e giocatori d'esperienza. (Amodio, Liccardi e Parrini).
Gli ultimi colpi di questo roboante mercato sono state le firme di Bryan Diz, promettente laterale italo argentino e Matteo Volpi, classe 1999, un valido prodotto della cantera viola che si era allontanato dal paese dell'acqua santa.
Dopo i primi test atletici e la sperimentazione della nuova tattica, l'enturage tecnico verificherà lo status di forma del team con due amichevoli (contro la juniores del Foiano e il Montallese, equipe che è tornata in terza divisione dopo due campionati vinti nella sezione UISP).
I primi di settembre, esattamente il tre, sarà poi già tempo di partite ufficiali, al Maccari stadium di via Umberto Landi arriva l'Orange Don Bosco per il primo turno di Coppa Toscana.
Il campionato inizierà qualche settimana dopo, il girone N, quello dove è stato inserito il Chianciano è stato definito dai più prestigiosi opinionisti del football dilettanti come incerto e spettacolare. Il Serre di Minieri e il Montagnano sembrano partire avanti a tutti nello start iniziale.
Il Berardenga di Perinti, dopo l'ottimo campionato passato potrebbe dire la sua, così come il Pienza, compagine reintrodotta in questo torneo dopo un anno passato nei play off del grossetano.
I viola di Giovanni Esposito potrebbero essere la squadra outsider in un girone che vedrà tanti affascinanti derby contro Chiusi, Acquaviva e Trequanda.
Sul fronte Femminile, la notizia bomba è stata ufficializzata in queste ore, il team manager Eugenia Martino è infatti riuscita a convincere a indossare nuovamente la casacca numero undici a bomber Carmen Nenna. La campionessa dopo un anno lontano dalla città tanto amata da Pirandello e Fellini ha espresso la volontà di tornare ad essere a disposizione di mister Municchi e di siglare nel più breve tempo possibile la sua centesima rete con i colori della Virtus Femminile in serie C.
Ne mancano solo dodici per il grande festeggiamento. Come per l'indimenticato regista riminese e il celebre poeta che frequentava il paese vecchio, l'amore per Chianciano non svanisce, neanche dopo un periodo di lontananza. Nenna ne è l'esempio per il campionato di serie C che si appresta a vivere tra un mese circa.


Giacomo Testini


Nelle foto: Maresca, Pistoi e Fucelli con i nuovi acquisti. La prima foto di gruppo durante la cena di inizio anno svoltasi all'Hotel Perugina e bomber Carmen Nenna

sabato 5 agosto 2017

Virtus Chianciano morte Franco Crociani e mercato

Franco Crociani
Non ricopriva cariche ufficiali, ma il suo ruolo era fondamentale per tutta la grande famiglia Virtus. Era uno di quei dirigenti di cui il football avrebbe tremendamente bisogno.
Stiamo parlando di Franco Crociani, storico segretario della compagine termale che ieri si è spento, dopo una lunga malattia, a settantaquattro anni.
Crociani, uomo semplice ma con un infinito legame che lo legava al pallone locale, faceva della serietà, della costanza e dell'infinito amore per il Chianciano, alcune delle qualità principali.
Nei decenni la città dell'acqua santa ha visto FC come accompagnatore del settore giovanile, collaboratore di Eugenia Martino per la Virtus donne e perfino magazziniere, all'occorrenza, per rispetto verso i suoi concittadini, i suoi ragazzi e il suo colore viola.
Lo scorso gennaio, l'attuale presidente termale Maurizio Fucelli ha voluto omaggiare, con un simbolico premio alla carriera, ossia una targa personalizzata, il buon Franco.
Il patron virtussino durante quella festa di inizio anno solare fece recapitare in ospedale, a Terranuova Bracciolini, dove era in cura, per un peggioramento della sua salute, la targa celebrativa, ringraziandolo per i tanti anni trascorsi tra gli spogliatoi, la preparazione delle mute, la scrittura delle distinte pre match e le trasferte al seguito della squadra.
Proprio Fucelli, appresa la triste notizia, ha voluto ricordare così questo importante membro societario "Per quanto riguarda l'amico Franco vorrei dire che il profilo umano che ha mantenuto nel corso di tutti questi anni è da considerarsi davvero di altissimo livello. Mai un "no", sempre disponibile per tutti, sempre sorridente e cordiale.
Una volta mi disse - Maurizio, ho avuto la soddisfazione sportiva di stare con tutti e tre i tuoi figli" Gli risposi "Franco, l'onore è dei miei tre ragazzi che hanno avuto il piacere di avere accanto un grande uomo come te" e lui di rimando disse, guardandomi negli occhi:
"No, l'onore è mio presidente, perché loro sono stati sempre educati gentili e rispettosi con nei miei confronti."
Oggi Crociani sarebbe contento di come sta nascendo la nuova Chianciano, sul fronte mercato, infatti, la Virtus 1945 sta continuando a costruire una formazione gagliarda e che potrebbe davvero togliersi delle grandi soddisfazioni nel breve periodo.
Il nuovo direttore sportivo Gino Maresca sta lavorando h24 e nelle ultime ore ha portato alla corte di coach Macchiaiolo tre pezzi da novanta con cui hanno già operato in passsto. I colpi del team sponsorizzato dalla famiglia Landi, dopo l'innesto di Tommaso Rossi, sono stati: Giuseppe Liccardi, Francesco Amodio e Matteo Biscaro Parrini. Queste sono state le presentazioni dei nuovi tesserati viola, Amodio "Sono un giocatore che dá il meglio sulla fascia ma posso giocare sia mezzala che seconda punta, cerco sempre di dare il massimo. Ho giocato nel Chiusi alla corte dell'ex ds chiancianese Pistoi, da li sono passato al calcio umbro Paciano prima e Moiano poi. Successivamente ho difeso i colori del Po' Bandino dove ho avuto il privilegio di diventare il capitano. La nuova avventura mi affascina, non vedo l'ora di cominciare"
Liccardi "L'ultima stagione l'ho vissuta alle Piazze con la divisa dell'Atletico, prima di questa esperienza ho trascorso sei anni a Po' Bandino, vincendo tra l'altro due campionati. Ho girato tante equipe di prestigio nel mio percorso di calciatore dilettante, tra le altre: Pievese, Camucia e Fonte Belverde. Una grande maturità tecnica e umana l'ho vissuta in Campania giocando ad Ischia in eccellenza e sopratutto a Nola, dove vinsi, con i miei compagni, la Coppa Italia regionale e nazionale e dove conquistammo brillantemente la serie D. Ora i miei colleghi e gli addetti ai lavori mi descrivono come un giocatore esperto, saggio e propositivo nella costruzione del gruppo. Sono a disposizione del mister con grande deduzione."
Anche Biscaro Parrini, classe 1984 è un calciatore di spessore che Macchiaiolo conosce bene e che dovrà fare innamorare i suoi nuovi tifosi a suon di gol e belle giocate, così come ha fatto per tante stagioni alle Macchie e nel resto del calcio umbro.
La nuova stagione è alle porte, l'entusiasmo cresce e l'attesa sale, prima del ritiro pre season, capitan Barbetti, Fallerini e il resto della ciurma hanno testato Il loro livello atletico in due friendly test match contro squadre professionistiche che hanno trascorso un periodo di preparazione fisica a Chianciano (Viterbese ed Arezzo.)
Dalla società, l'ultimo pensiero, in ordine temporale, è stato dichiarato del direttore Maresca che sinteticamente ma con grande incisività, lasciando un gustoso spazio all'immaginazione ha così commentato l'attuale momento che sta vivendo la sua formazione "Questo è solo l'inizio, stiamo creando qualcosa di bello e importante."
Franco Crociani si sarebbe spellato le mani dalla gioia e impettito il busto per l'orgoglio. La nuova stagione partirà senza di lui, fisicamente, ma a Chianciano tutti sono convinti che Franck seguirà la sua ciurma dal cielo, con la stessa grande passione che lo ha contraddistinto in vita.

Giacomo Testini